Alessandro D’Orazi

 

Nato, cresciuto e tuttora residente a San Basilio, quartiere periferico a nord est della Capitale, Alessandro D’Orazi è fiero del suo territorio e ha deciso di dedicare la sua vita artistica a promuoverne il bene che c’è, consapevole dei mille disagi a cui quotidianamente si va incontro. Per San Basilio, terra da cui provengono numerosi artisti, scrittori, sportivi, Alessandro ha addirittura scritto, composto e interpretato un inno.
Cantautore, polistrumentista, insegnante di musica, cittadino orgoglioso e appassionato del suo quartiere, Alessandro forma il suo primo gruppo a 13 anni con i ragazzi della domenica nella Chiesa di San Basilio.
Nel ‘99 nasce, per gioco, il progetto “Ciao Rino” dedicato a Rino Gaetano in occasione del ventennale della sua morte: un concerto che proprio quest’anno celebra il suo ventennale con un gruppo che non imita il cantautore ma lo reinterpreta con stile.
Parallelamente a questo percorso artistico, Alessandro si diploma al Conservatorio di Frosinone e, nel 2011, esce con un album, Alè. A seguire, mentre continua ad operare sul territorio, realizza colonne sonore per alcuni film italiani (tra questi il noto “Nessuno mi può giudicare” di Massimiliano Bruno) e svolge attività di insegnante di chitarra per bambini, ai quali compone e dedica numerose filastrocche e canzoncine.

Biografia 1
Biografia 1

Alessandro D’Orazi

 

Nato, cresciuto e tuttora residente a San Basilio, quartiere periferico a nord est della Capitale, Alessandro D’Orazi è fiero del suo territorio e ha deciso di dedicare la sua vita artistica a promuoverne il bene che c’è, consapevole dei mille disagi a cui quotidianamente si va incontro. Per San Basilio, terra da cui provengono numerosi artisti, scrittori, sportivi, Alessandro ha addirittura scritto, composto e interpretato un inno.
Cantautore, polistrumentista, insegnante di musica, cittadino orgoglioso e appassionato del suo quartiere, Alessandro forma il suo primo gruppo a 13 anni con i ragazzi della domenica nella Chiesa di San Basilio.
Nel ‘99 nasce, per gioco, il progetto “Ciao Rino” dedicato a Rino Gaetano in occasione del ventennale della sua morte: un concerto che proprio quest’anno celebra il suo ventennale con un gruppo che non imita il cantautore ma lo reinterpreta con stile.
Parallelamente a questo percorso artistico, Alessandro si diploma al Conservatorio di Frosinone e, nel 2011, esce con un album, Alè. A seguire, mentre continua ad operare sul territorio, realizza colonne sonore per alcuni film italiani (tra questi il noto “Nessuno mi può giudicare” di Massimiliano Bruno) e svolge attività di insegnante di chitarra per bambini, ai quali compone e dedica numerose filastrocche e canzoncine.

Dove sono nato non c’è cielo non c’è redenzione

 

 

Dove sono nato | Itaca | 2019

 

Dove sono nato non c’è il cielo neanche più l’amore

 

 

Dove sono nato | Itaca | 2019

 

Ai margini di una città corrotta soltanto la domenica mattina la chiesa la partita di pallone 

 

 

Dove sono nato | Itaca | 2019